VIENI A TROVARCI

Via Venezia 49, 31028
Tezze di Vazzola, Treviso
Italia

CONTATTACI

Tel. +39 0438.28035
Fax: +39 0438.681405
Email: info@myrest.it

SEGUICI

ORARIO SHOWROOM

Lun-Ven 9:00 - 18:00
Sab 9:00 - 17:00
Dom su appuntamento

FORGOT YOUR DETAILS?

Piante in Camera da letto

by / venerdì, 10 giugno 2016 / Published in curiosità, letti, salute, Senza categoria
PIANTE DA CAMERA

Le Piante in Camera da Letto Fanno Bene alla Salute? Assolutamente SÌ!

Un mito difficile da sfatare è senza dubbio l’utilizzo di piante in camera da letto.  Si è sempre consigliato di non tenere le piante in camera da letto perché rilasciano anidride carbonica e consumano ossigeno. Scegliendo le giuste piante si possono trarre molteplici benefici per migliorare la qualità dell’aria che respiriamo giornalmente anche nella nostra camera da letto: le piante sono dei veri e propri depuratori d’aria naturali!

Uno studio dell’Università di Sheffield (Gran Bretagna) ha dimostrato che l’aria che respiriamo tra le mura domestiche può arrivare ad essere tre volte più nociva di quella che inaliamo camminando per strada nelle nostre città.  Infatti l’uso di forni e fornelli a gas, di deodoranti e detersivi etc., contribuiscono ad innalzare i livelli di monossido di carbonio ed altri gas nocivi per la nostra salute.

Kamal Meattle, ricercatore ed attivista ambientale indiano, ha dimostrato che la sapiente combinazione in particolare di tre tipi di piante da interni, collocate in luoghi strategici della casa e/o nei luoghi di lavoro, migliorano in maniera significativa la qualità dell’aria.

piante da cameraLe piante in questione sono: la chrysalidocarpus lutescens (areca), la sansevieria trifasciata (lingua di suocera) e l’epipremnum aureum (potos).

La prima toglie anidride carbonica (CO2) e la converte in ossigeno, la seconda fa la stessa cosa anche di notte e la terza rimuove formaldeide ed altre sostanze chimiche volatili.

La ricerca condotta in collaborazione con l’ IIT,  TERI e centri di ricerca NASA ha mostrato che l’incidenza delle irritazioni agli occhi si riduce del 52%, quella delle irritazioni al sistema respiratorio del 34%, quella della cefalea del 24%, quella di insufficienza polmonare del 12% e di asma del 9% con l’impiego di specifiche piante.

Ecco quindi come dotarsi di depuratori d’aria “naturali”, in grado di migliorare sensibilmente la qualità dell’aria che inaliamo giornalmente all’interno delle nostre mura domestiche… anche nelle nostre camere da letto!

Guardate l’interessante video di Kamal Meattle: How to grow fresh air (come creare aria pulita). Il video è in lingua inglese ma selezionando le opzioni è possibile inserire i sottotitoli in lingua italiana.

Riassumendo, dalla combinazione mirata tra tipologia di piante e luoghi di posizionamento, sono notevoli i benefici che possiamo trarne: riduzione dei livelli di stress, regolazione del livello di umidità ambientale, ossigenazione dell’aria e rimozione delle sostanze nocive.  Migliorare la qualità del sonno significa migliorare la qualità della nostra vita!

Ci sono altre piante che producono effetti salutari rilasciando ossigeno anche in assenza di luce: l’aloe vera, l’orchidea phalaenopsis, la begonia ed il ciclamino.

L’aloe ha anche notevoli proprietà di depurazione dell’aria, ma la prima in classificata in materia è l’edera, in quanto assorbe maggiori quantità di formaldeide e gas nocivi.

Il gelsomino (Jasminum officinale) ha dimostrate proprietà di miglioramento del sonno, calma la tensione nervosa, allevia tosse e mal di testa, è antibatterico, agevola la circolazione sanguinea. Il suo profumo, ben noto agli amanti dell’aromaterapia, contrasta l’insonnia e aiuta a dormire serenamente.

La lavanda, in tutte le sue forme, contribuisce a ridurre l’ansia e lo stress, abbassa la frequenza cardiaca, migliora il sonno e può contribuire a calmare il pianto dei neonati. La sua incredibile fragranza procura  un effetto rilassante e calmante, migliorando la qualità del vostro riposo notturno.

Ecco di seguito un’interessante infografica che riassume lo studio condotto dalla Nasa già nel 1989 sulla capacità di alcune piante di assorbire e filtrare specifici agenti inquinanti restituendoci aria pura… pulità.

piante in camera

TOP